/PANTONE 2017 (EMEA)
/PANTONE 2017 (EMEA)

Pantone dà il benvenuto a Jesse Reed nella nostra squadra di designer!

21/09/2017

Pantone dà il benvenuto a Jesse Reed nella nostra squadra di designer!


I chip cartacei, che un tempo venivano collocati in buste, barattoli di vetro, portafogli, tazze e cartelline poi dimenticate, ora hanno una nuova casa.

Arrivano i Pantone Chip Savers! Progettati da Jesse Reed, i Paper Chip Savers sono ora disponibili in tutti i prodotti di chip Pantone, compresi i cataloghi Solid Chips e Specifier & Guide Set.

Pantone dà il benvenuto a Jesse Reed nella nostra squadra di designer!


Originario di Youngstown, Ohio, Jesse ha studiato progettazione presso il College of Design, Art, Architecture & Planning della University of Cincinnati. Dopo essersi laureato, Jesse ha vissuto a New York City e lavorato nel Museum of Modern Art (MoMA), in Pentagram Design (per Michael Bierut), nella Parsons New School, in Standards Manual e, ultimamente, in Order, una partnership che ha costituito con un altro dipendente di Pentagram, Hamish Smyth.

D. (Pantone): Che cosa ti ha dato l’ispirazione per creare i Paper Chips Saver?
R. (Jesse): Sviluppare il Pantone Chip Saver è stata un’assoluta necessità. Ho lavorato in diversi uffici di progettazione e ho sempre avuto il problema di conservare in modo efficace i Pantone Chips consumati. Essenzialmente, li inserivo in buste che poi attaccavo con nastro adesivo nelle pagine interne delle copertine dei cataloghi Pantone. E avevo anche un barattolo pieno di chip nel cassetto della scrivania ma, come si può ben immaginare, non era proprio facilissimo trovare il colore giusto.

D. (Pantone): Ricordi un momento di ispirazione ben preciso che puoi condividere?
R. (Jesse): Nel 2011 svolgevo il mio primo lavoro a tempo pieno nel campo del design e incontravo le stesse difficoltà per trovare un Colore Pantone da un catalogo al quale mancava un’intera fila. Mi è allora venuta in mente una soluzione assolutamente logica per conservare i chip: piccoli contenitori con file e colonne. Ho cercato produttori che realizzassero prodotti simili in plastica, ho disegnato un design semplicissimo, ottenuto campioni e alla fine, tre mesi dopo, ho messo in circolazione in proprio il prodotto, chiamato Chip Slip. Quando sono entrato in Pantone, abbiamo modificato il design per adeguarlo ai loro svariati strumenti di gestione del colore già commercializzati. Il risultato è stato il Pantone Paper Chip Saver che ora possono utilizzare i clienti Pantone.

D. (Pantone): All’epoca in cui hai iniziato a sviluppare i Paper Chip Savers, come utilizzavi in genere i Chip Pantone?
R. (Jesse): A quel tempo lavoravo presso il MoMA ed eravamo molto impegnati a trovare le concordanze di colore delle opere d’arte. Eravamo sempre in cerca di combinazioni cromatiche luminose e di forte impatto, e le schede dei chip neon si esaurivano rapidamente!

D. (Pantone): Perché era importante conservare i Chip Pantone?
R. (Jesse): Utilizzavamo così di frequente gli stessi colori di marchi che le schede o le file di chip si esaurivano molto in fretta, come credo che avvenga nella maggior parte dei reparti interni. Anche se cercavamo di tenerceli stretti il più possibile, spesso i chip venivano attaccati ai fogli di prova e non li vedevamo più. Era diventato un autentico problema.

D. (Pantone): Lavori regolarmente con altri Prodotti Pantone? In che modo?
R. (Jesse): La maggior parte del mio lavoro in Order, e precedentemente in Pentagram, comporta la scelta di colori per progetti di identità del marchio e la definizione di linee guida per i marchi; in tal senso, Pantone Color Bridge è stato lo strumento che ho utilizzato di più. Per quanto riguarda il lavoro di archiviazione in Standards Manual, i nostri libri si affidano ampiamente alla precisa concordanza del colore con documenti realizzati oltre 40 anni fa. Senza Pantone quest’attività sarebbe molto ma molto più difficile.

D. (Pantone): Che importanza ha Pantone, per te, e quali vantaggi trai dall’impiego dei Prodotti Pantone nel tuo workflow?
R. (Jesse): Considero Pantone uno strumento essenziale per portare a termine il lavoro. La scelta di uno specifico Colore Pantone è effettuata alla fine dei nostri progetti di branding, e prendiamo la decisione definitiva quando si scrivono le linee guida. Ora che utilizziamo così spesso i computer per generare il lavoro, e anche per presentarlo ai clienti, ci capita di frequente di effettuare la concordanza fra colori PMS e RGB. Vi confesso, però, che sono una vera frana nello scegliere un colore a caso; di solito insisto con bianco, nero e 185!

D. (Pantone): Hai creato diversi altri prodotti nella tua carriera professionale. Di quale vai più orgoglioso?
R. (Jesse): I libri di The Standards Manual che pubblico con Hamish Smyth sono veramente speciali, per me, e in pratica sono i lavori che mi hanno consentito di fare un salto nella carriera. Abbiamo appreso moltissimo sul settore editoriale, e anche sul lavoro di archiviazione e preservazione del patrimonio. È stato davvero gratificante che un progetto su piccola scala si sia convertito in un lavoro a tempo pieno.

D. (Pantone): Vi sono altre tipologie di nuovi progetti che stai portando avanti in Order e di cui puoi parlarci?
R. (Jesse): Stiamo lavorando a molte cose divertenti: una monografia per un notissimo ufficio di progettazione (che riveleremo molto presto), una rivista di fotografia, l’identità di un prodotto audio digitale e uno dei miei progetti preferiti: aiutare un’azienda che ha messo a punto un nuovo alfabeto braille. Stiamo svolgendo tantissimo lavoro di stampa, che non è poi così ovvio, di questo tempi, e ci piace molto.

D. (Pantone): Che tipologie di servizi propone Order e in che modo è possibile contattarti per ricevere altre informazioni?
R. (Jesse): Ci piace progettare nuove identità per le aziende, ma ciò che rende veramente stimolante il lavoro di tutti i giorni è la nostra capacità di addentrarci in ogni aspetto del design: identità, segnaletica, libri, app e molto altro ancora. Cerchiamo di seguire la celebre frase (una delle tante) di Massimo Vignelli: Se puoi progettare una cosa, puoi progettare tutto. E allora, ci proviamo!

È possibile contattarci a: hello@order.design
Per acquistare i Pantone Paper Chip Savers, visitare: chipslip.com
Per maggiori informazioni su Jesse Reed e i suoi progetti:
www.standardsmanual.com
www.order.design
www.jessereedfromohio.com


Paper Chip Savers sont désormais disponibles pour toutes les solutions de pastilles Pantone:

Solid Chips Coated & Uncoated

Solid Chips Coated & Uncoated

€402.00 (IVA incl.)

Solid Color Set

Solid Color Set

€492.00 (IVA incl.)

Color Specifier and Guide Set

Color Specifier and Guide Set

€876.00 (IVA incl.)

Premium Metallics Chips Coated

Premium Metallics Chips Coated

€210.00 (IVA incl.)

Metallic Chips Coated

Metallic Chips Coated

€210.00 (IVA incl.)